CASE STUDY

Audience Engagement per CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia

Cliente

CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia

Data

2020

Expertise CWS

Strategie di engagement

Sviluppo integrazioni piattaforma

Allestimento multimediale

CWS Digital Solutions ha sviluppato un progetto di audience engagement per CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia utilizzando la piattaforma di smart digital signage Livion.

Il cliente

CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia

CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia è un centro espositivo per la fotografia italiana e internazionale, un centro per l’educazione all’immagine, con incontri, laboratori, workshop e un centro di studio per la valorizzazione del patrimonio fotografico.

Le esigenze

Coinvolgere i visitatori

L’esigenza di CAMERA era di sviluppare una soluzione di audience engagement che consentisse di coinvolgere i visitatori, acquisire feedback sul gradimento della mostra e creare circolarità tra l’esperienza online e offline.

La soluzione

Livion - Smart Digital Signage

CWS Digital Solutions ha sviluppato un percorso di audience engagement multimediale utilizzando la piattaforma proprietaria di smart digital signage Livion.

I visitatori sono accolti nel museo da un social wall:uno schermo in cui scorrono contenuti Instagram pubblicati da CAMERA e fotografie create dagli utenti (UGC).

Terminata la visita, il pubblico può interagire con un monitor interattivo touchless: inquadrando il QR Code presente nello schermo con la fotocamera, lo smartphone personale del visitatore si trasforma in un telecomando che, senza scaricare alcuna app, consente di navigare nel catalogo di mostre, approfondimenti ed eventi futuri, lasciare un feedback sulla visita e scaricare un coupon per ricevere uno sconto sull'acquisto di un prodotto di merchandising.

Video case study

Giulia Gaiato // Comunicazione presso CAMERA
Come Camera siamo felici di aver iniziato a sperimentare la piattaforma Livion. Con il nostro partner storico CWS stiamo lavorando sull’audience engagement che è una delle caratteristiche della mission di Camera. Informare, interagire, partecipare, condividere e lasciare feedback sono fondamentali per poter analizzare quello che è il sentiment del pubblico che viene a visitare le mostre.

Risultati

Audience engagement

Grazie al sistema di raccolta feedback touchless, CAMERA può analizzare il sentiment del pubblico.

Comunicazione onlife

Grazie al social wall, CAMERA crea circolarità tra i contenuti pubblicati su Instagram e la comunicazione nello spazio fisico.

Interazione Touchless

Attraverso la scansione del QR code, il dispositivo del visitatore si trasforma in un telecomando che consente di sfogliare e scaricare direttamente sul proprio dispositivo flyer digitali.

Leggi anche

Consulenza gratuita per digitalizzare gli hotel

Scopri le soluzioni per digitalizzare la tua struttura

L'emergenza sanitaria del Covid-19 sta dando una forte accelerazione alla trasformazione digitale degli hotel: i gestori delle strutture, infatti, necessitano sempre più di strategie e strumenti per ridurre al minimo i contatti fisici e garantire la sicurezza del personale e degli ospiti, offrendo allo stesso tempo un'esperienza di soggiorno esclusiva.

CWS Digital Solutions sviluppa e propone soluzioni innovative per trasformare gli hotel in spazi smart e sicuri: dalle tecnologie per lo smart access e le smart room fino alle strategie e agli strumenti per sviluppare una comunicazione efficace con i propri ospiti (e quelli potenziali) anche in questo momento di crisi.

Prenota una consulenza gratuita per scoprire quale soluzione è più adatta alle tue esigenze.

Aiutaci a prepararci al meglio al nostro incontro

Abbiamo realizzato questo brevissimo questionario per capire quale tra le nostre soluzioni potrebbe rispondere meglio alle esigenze della tua struttura. Bastano pochi minuti per permetterci di preparare al meglio il nostro possibile incontro: raccontaci brevemente i tuoi interessi e le tue esigenze.

Mostre e musei (onlife) da scoprire quest'estate

Musei onlife - Summer edition

Trascorrerai l'estate esplorando l'Italia oppure rimarrai in città? Qualunque sia la risposta, il nostro suggerimento è di approfittarne per visitare mostre e musei. Se non sai da dove partire cominciamo noi con qualche consiglio, raccontandoteli dal punto di vista di chi i musei normalmente li progetta e ne studia l'evoluzione.

L'allestimento museale è infatti un ambito in cui lavoriamo da anni; proprio per questo negli scorsi mesi ci siamo confrontati con tante realtà che hanno dovuto affrontare il lockdown prima e la riapertura degli spazi poi. Se ti incuriosisce anche questo aspetto ti suggeriamo il webinar dedicato ai musei onlife, ovvero all'evoluzione della progettazione museale in un'ottica integrata tra l'esperienza di visita fisica e la fruzione online.

Ma ora è meglio andare dritti al punto e cominciare con i nostri consigli di musei da visitare andando sul posto ma anche da scoprire sui social con tanti contenuti che consentono di viverli onlife.

Di seguito i musei da non perdere.

Il futuro degli eventi è phygital

Le opportunità del digitale per il mondo degli eventi

Il mondo degli eventi sta vivendo un periodo di grande cambiamento, fatto di nuove sfide ed esigenze, ma anche di nuove opportunità.

Opportunità offerte dal digitale che da un lato può rispondere alle necessità di chi organizza eventi, soprattutto di grandi dimensioni (gestione numero partecipanti, partecipazione degli ospiti internazionali, valorizzazione degli sponsor) e dall'altro permette di creare un'esperienza ancora più ricca e personalizzata, che connette il mondo offline e online, in una parola: phygital.

CWS Digital Solutions supporta aziende e istituzioni nell'organizzazione di eventi phygital:

  • eventi completamente online gestiti da remoto. eventi con allestimento del set, gestione della regia in locale e messa in live. eventi ibridi con allestimento multimediale dello spazio fisico e gestione dell'evento online.

Prenota una demo gratuita per scoprire come digitalizzare il tuo evento.

Nasce la newsletter T'aggiorno

Ti piacerebbe restare al passo con le ultime novità della Digital Transformation ma non sai come fare?

Semplice: iscriviti a T'aggiorno.

E tu dirai "T'aggiorno? WHAT?"... Guarda il video per iniziare a capire di cosa stiamo parlando.

L'Exhibit Design per il customer engagement

Per coinvolgere i propri clienti e visitatori, le aziende, le istituzioni e gli enti culturali necessitano sempre più di creare esperienze omnicanale che integrano il mondo online e offline.

Da questa esigenza è nato il percorso di CWS Digital Solutions dedicato al customer engagement, un percorso pensato per musei, retail, fiere ed eventi, che propone soluzioni di Exhibit Design Onlife.

In cosa consiste? In progetti di comunicazione fisico-digitali (phygital), che integrano allestimenti multimediali, strategie di engagement e storytelling online per creare esperienze multimediali interattive che coinvolgono clienti e visitatori online e offline.

Scarica la presentazione per saperne di più.

Il futuro dei musei è onlife

Il concetto di shut-in economy sta assumendo un ruolo centrale nella nostra quotidianità riferendosi a tutto quello che è ordinato, chiesto e fruito online. Ordiniamo cibo a domicilio, chiediamo consulenze online, fruiamo contenuti culturali on-demand. Si tratta di un processo già ampiamente in ascesa che ha subito un'accelerazione come conseguenza del lockdown delle ultime settimana.

In questo contesto i musei stanno ridefinendo le modalità di accesso e racconto delle opere culturali. In particolare, gli allestimenti museali, di cui CWS si occupa da anni, devono evolversi per integrare modalità di fruizione online e adeguarsi alle future esigenze di distanziamento sociale.

Quali saranno le tecnologie e strategie protagoniste dei progetti di allestimento museale nei prossimi anni? Quali saranno le sfide per organizzatori e curatori di mostre, architetti, progettisti, designer e allestitori multimediali? Per rispondere a queste domande CWS ha pensato di costruire un percorso di confronto con gli operatori del settore culturale, la cui prima tappa sarà un webinar dedicato al futuro dei musei il 20 Aprile alle 18.00.

In questo percorso sarà proposto il concetto di exhibit desing onlife come linea guida di progettazione degli spazi della cultura nella shut-in economy.

CWS new Brand Identity

Il cambiamento come "tratto" distintivo

Sono passati nove anni dall’ultimo restyle del logo CWS.

Nove anni fa, nel 2010, il car sharing faceva la sua timida comparsa nel mercato europeo e veniva presentata la prima generazione di tablet per il mercato di massa. Spotify lanciava il suo servizio nel mercato americano e Netflix pubblicava la prima app di streaming per dispositivi iOS.

In questi anni CWS, nata come software house, poi system integrator, si è evoluta per esplorare tutti gli ambiti della trasformazione digitale: dagli allestimenti multimediali, alle applicazioni mobile e interfacce per ambienti immersivi.

Oggi CWS racchiude all’interno dei propri Competence Center expertise differenti.

Forniamo soluzioni nuove per l’evoluzione digitale delle aziende” è l’incipit della nuova mission; il rinnovo totale dell’immagine coordinata, il modo scelto per comunicarlo.

La volontà espressa nella nostra vision: “Tecnologia che semplifica e emoziona”, ha guidato il design della nuova brand identity.

Al logo, che ne costituisce il centro semantico, dedichiamo il video di lancio.

La componente tecnologica viene introdotta dal tratto semplice e deciso dello “Slash”.

Il segno grafico “/”, noto nel mondo dell’informatica per dividere i percorsi tra le varie cartelle del computer e presente in tutti gli indirizzi web, contiene anche il richiamo ad una funzione dal linguaggio DOS. In questo sistema operativo, quello che ha preceduto Windows, per intenderci, ad ogni comando si poteva applicare l’opzione /s: in questo modo si indicava al pc di “applicare l’operazione richiesta a partire dalla cartella attuale e in tutte le relative sottocartelle”.

Abbiamo scelto di incorporare questo tratto nel logo e richiamare la funzione /s perché il cambiamento che vogliamo attuare è pervasivo, opera in profondità. È, in qualche modo, “contagioso”.

Con la sua linea trasversale, il tratto dello Slash rappresenta il nuovo corso di CWS, improntato all’essenzialità. L’attitudine alla trasparenza, uno dei valori del Brand, ha invece ispirato il nuovo colore: il ‘’Green Amazonite’’. Il grigio antracite che fa da complemento esprime solidità ed eleganza.

Abbiamo rinnovato la Brand Identity, siamo pronti alle sfide dell’evoluzione digitale.

CWS – Tomorrow: we are here.

Digital fulfillment e customer experience

Per soddisfare necessità dettate da tempi stringenti e esigenze molto specifiche è arrivato il momento di gestire la supply chain avvalendosi di infrastrutture integrate per ottimizzare i cicli di produzione sulla base delle richieste in real time e armonizzare il monitoraggio dell’inventario di magazzino con le velocità di reazione scandite dall’e-commerce. Progettare il digital fulfillment è la chiave per una customer experience appagante e la compressione dei costi della logistica.

L'aumento della vendita al dettaglio omnichannel ha reso più evidente la necessità, da parte dei produttori, di intercettare le esigenze dei consumatori per ridurre il rischio di eccedenze di magazzino o, ancora peggio, forniture insufficienti al momento del picco delle richieste.

Lo scostamento tra le informazioni relative alle operazioni di produzione e distribuzione e quelle proposte al pubblico limita, spesso, la capacità delle imprese di comprendere e soddisfare pienamente le esigenze dei propri clienti.

Questo scenario offre, però, l’opportunità di ottimizzare la supply chain introducendo strumenti digitali, sempre più pervasivi all’interno dell’intero ciclo di processo, allineando la produzione e la distribuzione alle scelte di consumo in tempo reale.

Il processo decisionale del consumatore, spesso trascurato, si articola in tre domande fondamentali:

  • Il prodotto ha le caratteristiche che cerco?
  • Il prezzo di vendita è coerente con qualità del prodotto e del servizio?
  • Quanto tempo dovrò aspettare per ricevere il prodotto?

I processi convenzionali di evasione degli ordini limitano spesso la capacità dei clienti di prendere in considerazione contemporaneamente queste dimensioni.

Rendere esplicito il bilanciamento tra i parametri “prezzo-caratteristiche-tempistiche” ai clienti e garantire un’informazione trasparente per la valutazione dei criteri di selezione è fondamentale per i produttori che vogliono sfruttare il potenziale della trasformazione digitale. L’ottimizzazione di produzione e logistica può assicurare una sensibile riduzione dei costi, oltre a garantire una migliore customer experience.

Quale può essere il percorso da intraprendere per introdurre un processo di digital fulfillment efficace all’interno della propria azienda?

Il negozio del futuro lo "disegna" il cliente

L’utente moderno non è più soltanto un soggetto che entra in un negozio, valuta, sceglie e acquista ma è una persona fortemente interessata a vivere una “Brand Experience”: un momento immersivo ed emozionale che va ben oltre la semplice transazione economica. Un moderno store deve quindi assicurare una convergenza di social media, mobile apps e personal cloud per offrire un’esperienza trasparente e fluida.

Nonostante la propensione sempre più marcata all’utilizzo della rete Internet, il negozio in sede fissa resterà ancora per molto il punto di riferimento prediletto del cliente. In merito alla disponibilità del prodotto acquistato le abitudini sono cambiate: da una necessità di consegna in real time a una “right time”, cioè nei tempi e nei modi ideali per un cliente sempre più mobile.

La nostra azienda offre alcune soluzioni in merito come le app di cross-selling, mobile location based services (ad esempio la geolocalizzazione) e la cross-channel experience.

La Customer Experience sarà sempre più “tailor made”, calibrata e mirata al singolo soggetto. La diffusione delle tecnologie IoT consente al brand di profilare attentamente i propri clienti e, di conseguenza, proporre il prodotto che cercano realizzando una convergenza perfetta tra physical e digital, ossia phygital.

La rivoluzione del Retail è in atto e promette di stravolgere completamente il modo di fare acquisti. Abbiamo studiato attentamente gli indicatori di questo fenomeno e siamo in grado di offrire soluzioni, a partire da Livion la piattaforma tailored by CWS, che si prestano a realizzare con versatilità le molteplici installazioni e dotazioni di un moderno spazio commerciale.

Customer experience e customer journey

LA TECNOLOGIA A SERVIZIO DEL RETAIL NEL CONTESTO AUTOMOTIVE

Nel processo di acquisto di un’automobile l’elemento differenziante di concessionarie e case automobilistiche è rappresentato dall’offerta di servizi esclusivi e personalizzati che migliorano la customer experience del cliente sia durante il percorso di ricerca delle informazioni online che nel momento della visita sul punto vendita.

Per ottenere questo risultato è d’obbligo conoscere i bisogni, le necessità ma soprattutto i comportamenti degli utenti considerando l’importanza di ogni fase che caratterizza entrambi.

CWS si avvale di due strumenti fondamentali per supportare il cliente nell’approfondimento di questi due momenti.

Percorso in store: Il people counter è uno strumento di misurazione, attraverso l’uso di beacon e sensori posizionati all’interno del punto vendita, che permette di identificare i comportamenti dei clienti all’interno dello show-room rilevando gli ingressi, verificando i percorsi di visita, le vetture visionate, i venditori coinvolti nel processo di vendita. I dati raccolti forniscono numeri certi sugli ingressi; confrontati con i tassi di chiusura dei contratti, permettono di valutare i risultati delle campagne di marketing e promozionali comprovando e misurando l’efficacia del piano di comunicazione.

Percorso online: I comportamenti digitali dei potenziali clienti sono tracciati dalla nostra soluzione di Customer Engagement Management, in grado di presentare il quadro generale del percorso che porta il cliente alla valutazione dell’acquisto e rappresenta un momento fondamentale nella percezione dell’esperienza offerta dal brand. Il tool, Glassbox, permette di osservare il comportamento attuato dai visitatori su un sito web, un’intranet o un’app. È possibile analizzare le azioni svolte durante la fase di navigazione, ma anche le anomalie che solitamente portano i clienti ad abbandonare la piattaforma prima della conclusione del processo. Gli insight che ne emergono permettono di migliorare la customer experience o intervenire tempestivamente a supporto delle problematiche rilevate.

Glassbox consente di compiere un ampio ventaglio di attività, non solo di analisi tra cui:

  • Impostare avvisi di business grazie all’intelligenza artificiale (è possibile impostare comunicazioni promozionali)
  • Ottenere una sintesi dei dati di utilizzo e un quadro informativo aggiornato attraverso l’accesso a dashboard personalizzate.
  • Misurare l'impatto della customer experience online in tempo reale
  • Ottimizzare gli Analytics in-page visibili all’interno degli ambienti di navigazione
  • Integrazioni con qualsiasi altra soluzione già presente nel contesto di riferimento
  • Effettuare ricerche specifiche e avanzate Mappare il percorso del cliente
  • Esportare i dati dalla piattaforma in modo flessibile.

Una volta identificati e analizzati i comportamenti dei visitatori diventa molto più efficace elaborare un piano di marketing che, attraverso una comunicazione maggiormente personalizzata, permetta all’utente di vivere una customer experience più appagante.

Per amplificare messaggi e stimolare interazioni, l’installazione di totem interattivi all’interno dello show-room assolve bene questo compito e ha il vantaggio di coinvolgere il potenziale acquirente proponendo contenuti dedicati. Per promuovere la vendita di vetture d’occasione, ad esempio, l’utilizzo di monitor interattivi di grandi dimensioni in cui abilitare la visualizzazione di tutto lo stock dell’usato, la localizzazione delle vetture, la richiesta di intervento di un venditore o la prenotazione di un test drive, rappresenta una modalità di vendita decisamente più in linea con le aspettative di un cliente digitalizzato.

Grazie agli strumenti di proximity marketing, invece, è possibile inviare messaggi personalizzati al cliente attraverso diversi dispositivi: totem, tv, schermi, ma anche e-mail e sms. Le comunicazioni ricevute saranno in linea con i bisogni dei clienti e integrate dai dati riguardanti le attività svolte in salone al momento della visita.

Vuoi rimanere aggiornato sulle ultime news?

Iscriviti alla newsletter