News

11 Aprile 2017

A VINITALY IN MOSTRA LA PRIMA CANTINETTA SMART

Porta alla giusta temperatura il vino da servire per cena, monitora costantemente le condizioni di conservazione delle bottiglie più preziose avvisando di eventuali anomalie, ricorda lo storico degli acquisti ed è in grado di consigliare il proprietario sulla data di consumazione ottimale di ciascun vino. È la prima “cantinetta intelligente”, frutto della collaborazione tra l’azienda austriaca Datron GmbH, leader nella produzione di cantinette per la conservazione professionale del vino, e l’italiana CWS Digital Solutions, specializzata nell’integrazione dei sistemi e nell’innovazione digitale, che ha sviluppato questo progetto sfruttando le potenzialità della tecnologia IoT (Internet of Things) per migliorare gli standard di conservazione del vino.

La prima cantinetta intelligente Datron è in realtà un’elegante cantinetta frigo della Linea Classica da 40 bottiglie champagnotte prodotta dalla casa austriaca, adatta sia ad incasso che a libera installazione, connessa alla rete internet domestica e arricchita da invisibili sensori in grado di monitorare temperatura e umidità, interne ed esterne, e verificare la qualità dell’aria.

I sensori registrano a intervalli regolari le condizioni climatiche e, attraverso il controller Livion IoT sviluppato da CWS, inviano dati a un server che l’utente è in grado di monitorare attraverso una web application, consultabile direttamente sul proprio smartphone. Il sistema è così in grado di segnalare proattivamente al proprietario eventuali errori e sbalzi di temperatura, rispetto ai valori preimpostati, inviando email o sms di allerta, ma offre anche un valido supporto per assaporare le proprie bottiglie più pregiate senza alcun inconveniente. La cantinetta infatti può creare un’anagrafica con la storia di ogni acquisto e offrire consigli sulle modalità di conservazione e tempistiche di consumo. E, se la cena è fissata per quella stessa sera, la cantinetta “smart” può essere programmata anche da remoto per portare gradatamente alla corretta temperatura di servizio i vini prescelti, in modo da poterli portare direttamente in tavola anche arrivando a casa all’ultimo minuto.

La Cantinetta intelligente Datron al momento è prodotta in edizione limitata ed esclusivamente su prenotazione. Il primo prototipo è stato presentato da Datron e CWS in occasione di Vinitaly (Verona, 9 – 12 aprile) presso le sale dell’area Wine2Digital. Successivamente la cantinetta sarà prenotabile sul sito www.vini-italy.net.

“La tecnologia IoT è già sperimentata con successo da molti produttori vinicoli perché consente di verificare il corretto invecchiamento dei vini in botte senza il bisogno di effettuare prelievi di campioni – spiega Luca Passini, Ceo di CWS Digital Solutions –, con la cantinetta intelligente possiamo portare i benefici della rivoluzione digitale in ogni casa dotata di WiFi, per migliorare lo stato di conservazione dei propri vini più pregiati”.

“La cantinetta intelligente – proseguono Luca Amerio, Production Manager, ed Andrea Romanello, Development Lead di CWS Digital Solutions – è una delle migliori rappresentazioni dei valori e del modus operandi della nostra Azienda: è realizzata in partnership con un leader di mercato quale Datron, è espressione della capacità d’integrare oggetti apparentemente eterogenei attraverso sviluppi software “sartoriali” e “100% italiani”, nonché della passione per l’eccellenza, vino incluso!”.

“La nostra azienda è tra i leader di mercato delle cantinette professionali per gli eno-appassionati con una gamma di oltre 50 modelli – aggiunge Sergio Rasi, Ceo di Datron Handelsges M.B.H. –, per ora la cantinetta “smart” rappresenta l’evoluzione premium di uno dei nostri prodotti di punta ma si tratta di una tecnologia altamente innovativa di proprietà Datron/CWS che non mancherà di stimolare la curiosità degli appassionati di vino più attenti, che speriamo di attrarre in futuro con un’intera linea di prodotti intelligenti, controllabili direttamente dallo smartphone”.

Condividi l'articolo sui social

Seguici anche su